Mandarino sibarita

Siamo ai tempi di Nerone. Il medico Dioscoride Pedanio scrive quello che sarebbe diventato il primo trattato di medicina erboristica. Nel 512, quattro secoli dopo, per ringraziarla della costruzione di una chiesa cristiana, il popolo di Costantinopoli regala alla principessa Anicia Giuliana, una copia di quell’opera con oltre 400 immagini. Da quel momento diviene il primo erbario illustrato della Storia. Un tesoro di conoscenze che attraverso i monaci bizantini, esperti utilizzatori di quelle erbe, è arrivato fino a noi, nella terra del Codex Purpureus e del Patìr, dove nasce l’Amaro Bizantino.